Questa è la casa di Totò dov’è nato

pubblicato in: news, Storia di Napoli | 0
Casa natale di Totò

Questa è la casa di Totò dov’è nato (n.d.r. Antonio de Curtis nato a Napoli il 15 febbraio 1898), si trova in via Santa Maria Antesaecula, oggi di proprietà di un privato, ma del museo non c’è ne traccia, mi rendo conto che ci son tante cose da fare ma sono oltre 25 anni che se ne parla. Nemo profeta in patria: a Napoli abbiamo via Antonio de Curtis, poi lo slargo nella Sanità, una targa vicino al museo ed il parco Totò a Bagnoli, c’era un progetto di fare un museo nel noto palazzo detto lo Spagnuolo, ma poi il tempo passa e le promesse pure. Siccome dovrebbero arrivare dei finanziamenti per il centro storico e per il quartiere Sanità, vedi zona dei cristallini, si potrebbe far rientrare finalmente un benedetto museo per il principe della risata!!

Il grande Totò merita un museo a lui dedicato che sia degno del suo nome, che illustri le sue opere e la sua arte in tutta la sua napoletanità e in tutto il suo splendore, che gli renda omaggio e faccia onore alla sua memoria rendendo così onore e amore a questa città.

Totò

Il museo di Totò è stato in effetti già realizzato oramai da quasi 30 anni nel palazzo dello Spagnuolo, purtroppo é stato completato ed anche distrutto. Infiltrazioni di acqua piovana, abbandono e vandalismo hanno ridotto il museo in un uno stato di completo abbandono.

Targa commemorativa vicino alla casa natale di Totò
Manifesti dedicati a Totò nel quartiere Sanità dove ebbe i natali

Bene, bene, bene, noi siamo contenti per le strade dedicate a personaggi che hanno celebrato Napoli, ma vorrei sommessamente ricordare chi è figlio di Napoli ed è nato qui il 15 02 1898 in via santa maria antesaecula, un certo Principe… In arte Toto’ASPETTA ANCORA UN DEGNO MUSEO RICORDATE LE VOSTRE PROMESSE CARI POLITICI.

Signori si nasce e io lo nacqui, modestamente!

Cit. famosissima di Totò tratta dal film “Signori si nasce”
La firma di Totò

Le antiche Farmacie di Napoli

pubblicato in: news, Storia di Napoli | 0

Credo che sia una delle farmacie più antiche, anno 1577. Situata sotto il ponte della Sanità, ad angolo, da 50 anni circa è della famiglia del Dott Amendola.

La particolare struttura e l’ambiente in legno con frasi in latino “omnibus opem ferre dei est” oppure “nemo est perfecte sanus“, insieme alla volta dell’ambiente e tanti rimedi naturali, specchio della filosofia di questa farmacia ne fanno un luogo di ricordi storici del Quartiere Sanità.

omnibus opem ferre dei est

aiutare tutti a sopportare Dio
nemo est perfecte sanus     nessuno è completamente sano 
Entrata dell’antica Farmacia

Stadio Diego Armando Maradona

pubblicato in: news, Storia di Napoli | 0


Elogio dell’estro e della perdizione, del bambino nato povero e dell’uomo smarritosi nella ricchezza, del ribelle e del vinto, del vincitore e del perseguitato, del più grande talento del gioco del calcio e del più grande autolesionista del mondo, un Dio sporco

Cit. Mimmo Carratelli ed Eduardo Galano
Stadio Diego Armando Maradona
Tutti gli omaggi dei tifosi lasciati davanti allo stadio, faranno parte del Museo dedicato a Diego.
Sciarpa del club Napoli Parigi “Paris San Gennar”

Le foto sono state scattate tra Forcella, i Decumani, Piazzetta Nilo e San Gregorio Armeno

ed eccoci qui, ognuno a Napoli ha fatto il suo omaggio a DIOS

San’Diego Armando Maradona

La testa nel Pallone

pubblicato in: news | 0
Con la testa nel pallone

Nel centro di Napoli a ridosso di Via Toledo uno dei murales di due artisti di strada che si firmano Ciop&Kaf si affaccia a su un muro di sostegno di un’abitazione che per metà è crollata ed è sostenuta da travi di sostegno di contenimento.

Salendo per Via Portacarrese a Monecalvario, tra bassi e panni stesi, 
un piccolo capolavoro emblema di una città che ha nella testa "solo o pallone",
come direbbero tutte le mamme napoletane ai ragazzi che popolano queste vie. E la testa?
La testa è al posto del pallone e il pallone al posto della testa.

Simbolicamente forte quest’opera ti colpisce in modo direttamente proporzionale alla passione sentita per il calcio fin dalla tenera età in tutte le sue forme ed espressioni. Il calcio è un momento di aggregazione e di affiatamento, un strumento di crescita e di gioco, una forma di spettacolo e di cultura, uno sport aperto a tutti e amato da tutti anche da quelli che non lo seguono e non lo praticano. E’ facile imbattersi in qualunque vicolo o piazza della città e trovare dei ragazzi che si fanno una partitella.

E allora speriamo davvero di rivederli presto nelle solite piazze e nei soliti ritrovi, così a significare che l'emergenza pandemica che stiamo vivendo in questo momento sia ormai lontana e sconfitta per sempre.

Funiculì funiculà, la prima funicolare

pubblicato in: news | 0

Funiculì funiculà, la canzone del 1880

Una canzone è indissolubilmente legata al Vesuvio, alla nascita della prima funicolare sorta alle falde del vulcano.
Siamo nell’estate del 1880, al brindisi d’inaugurazione della prima funicolare italiana parteciparono autorità e personaggi politici.

Si pensò allora a qualcosa di accattivante, che potesse incoraggiare i partenopei a prendere la funicolare: venne commissionata al musicista Lucio Denza una canzone che potesse essere il simbolo di questo nuovo mezzo di trasporto e, con la penna del giornalista Peppino Turco, in dieci minuti nacque “Funiculì Funiculà

Fu quasi un inno al nuovo mezzo di trasporto pubblico, che i napoletani da allora scelsero per salire non solo sulle pendici del monte Somma ma, in seguito, anche per raggiungere i quartieri “alti” della città.

E allora… “jamm jamm ncpoppa jamme ja funiculì funiculà…”

Funiculì funiculà, la canzone del 1880 in onore della funicolare

La magnifica vista dal cratere del Vesuvio

L’ascesa alla sommità del Vesuvio è stata da sempre una grande attrattiva turistica.
Per anni, fino al XIX secolo, le guide del Vesuvio hanno trasportato i turisti sul cratere a bordo di muli, seggiolini e lettighe. 

Il percorso risultava impervio, lungo e faticoso, ma costituiva l’unica via d’accesso alla sommità del vulcano e all’Osservatorio Vesuviano.

Nella sottostante cartolina è ritratto un gruppo di persone munite di lettighe e muli che intraprendono l’ascesa alla sommità del cratere.

Verso il Vesuvio
Turisti accompagnati su lettighe e muli sul sentiero per il Vesuvio

Ed ora per gli appassionati ecco qui la canzone Funicilì Funiculà nella versione classica e napoletana e intramontabile di Sergio Bruni.

Funiculì Funiculà di Sergio Bruno

E sempre la canzone Funicilì Funiculà nella versione lirica del nostro Luciano Pavarotti nei secoli dei secoli per sempre nel nostro cuore, Grazie Luciano.

Funiculiì Funiculà di Luciano Pavarotti

Ciop&Kaf, l’arte urbana per Napoli

pubblicato in: news | 0

Ciop&Kaf, writers napoletani

L’arte urbana napoletana è un arte liberamente espressa nei quartieri di Napoli, nascosta tra i vicoli stretti delle strade di Napoli, tra gli antichi portoni malridotti del centro storico, sulle mura un pò rovinate e antiche delle stradine disposte a griglia dai tempi del Re a Napoli.

Sembra un labirinto, ci si potrebbe giocare a nascondino, ma ogni angolo nasconde una sorpresa, magari un bella chiesa, una piccola cappella, un particolare antico e nascosto tra i panni stesi e da qualche anno a questa parte, anche le opere di questi due writers napoletani, Ciop&Kaf, due veri artisti napoletani, che con i loro disegni hanno portato a nuova luce portoni arrugginiti, portoni di palazzi malridotti, mure malconce e inguardabili.

E’ facile che stesso gli abitanti della zona chiedano ai due artisti, che ovviamente girano per il quartiere come semplici “faticatori” o “muratori” locali, di dipingere sul loro portone per dare un nuovo colore al grigio davanti alla loro finestra.

E’ un opera di recupero della città, un arte di riciclo gratuita a servizio dei napoletani, che i nostri autori si prestano gratuitamente a fare.

Ciop&Kaf, l’incontro

Una volta li incontrai, ero quasi emozionata e avrei voluto chiedergli un autografo, fargli un intervista, raccogliere i loro commenti, ma non ne ebbi il tempo, come sempre andavo di fretta.

Furono loro a farmi una domanda: “Cosa ci vede lei in questi disegni?” mi chiesero i due autori.
Avrei voluto chiedere loro se stavo parlando con Ciop oppure con Kaf, in ogni caso risposi vagamente che vedevo un messaggio di denuncia nei loro disegni.

In effetti alcune delle loro opere si presentano come se fossero una rappresentazione triste e macabra della realtà dei napoletani: ingabbiati, imprigionati, punte e aghi che spuntano ovunque, teste mozzate, chiodi e manette a polsi e caviglie.

Napoletani ingabbiati nella loro stessa prigione d’oro.

Altre loro opere, sono un messaggio di speranza, qualcuna come il cavaliere solitario, un combattente armato di arco e frecce, pronto a difendere lo spirito napoletano, fiero ed orgoglioso della sua patria e della sua città.

Cos’altro ci vedo?

All’inizio pensavo fosse una mappa: vieni qui ci sono case di ricchi, qui non c’è nulla è inulte che vieni, insomma una mappa del tesoro per dire dove andare a rubare.
Poi quest’idea è cambiata ed è stata stravolta, oppure chissà magari stesso loro hanno cambiato idea in corso d’opera.

#Orgogliosi dell’arte e della cultura napoletana!