Questa è la storia di Pino Daniele

pubblicato in: Senza categoria, Storia di Napoli | 0

che per me, non è mai scomparso

Era nato a via Francesco Saverio Gargiulo, 20,un vicoletto parallelo a via Pignatelli, vicino Santa Chiara, ma a 5 anni si era trasferito al numero 32 di un vecchio palazzo di Santa Maria la Nova tra l’orientale e la posta.

Murales di P. Daniele


Finalmente aveva una stanza tutta sua dove poteva ascoltare Elvis Presley e Django Reinhart, era la casa di zia Lia e zia Bianca, due sorelle non sposate, che dopo essersi presa cura della mamma di Pino, tirarono su anche il primo di sei figli di una famiglia numerosa.

Allora si poteva affidare i propri bambini a famiglie più agiate, grazie alle zie benestanti, Pino, riuscì a diplomarsi all’istituto Diaz di via Tiribunali.

… “Ncoppa l’evera c’addore, se ne scenne ‘e culure e cammina’ o vicchiariello sott’a luna, quante vote s’è fermato pe’ parla’ cu ‘ qualcheruno’ e nun ce sta mai nisciuno ca se ferma po’ senti…
Cit cammina, cammina, Pino Daniele

Vicolo di Napoli

Nel camminare nei vicoli di Napoli ascolti sempre la voce di Pino Daniele che aleggia nell’aria

Quei vicoli trasudano Pino da ogni balcone e portone, da ogni finestra o terrazzo, ogni pezzo di muro. Prima o poi ti trovi ad ascoltare una delle sue canzoni mentre ti muovi tra i vicoli dei quartieri storici di Napoli e se per caso non lo senti dal vivo ti risuona nella testa, ti viene in mente “Donna Cuncetta” mentre la signora sta seduta fuori al balcone oppure canticchi “Basta na iurnata ‘e sole” mentre vedi la signorina che aspetta il fidanzato sotto casa.
Per anni, “Na tazzulella ‘e cafè”, è stato il leit motiv dei bar di Napoli e tuttora ne è il simbolo e la colonna sonora.

La strada dedicata a Pino Daniele nel 2015

Eh si Pino Daniele ha creato ad arte tutte le colonne sonore di Napoli conosciute in tutto il mondo.

Napul’è mille culure, Napule è mille paure Napule è a voce de’ criature Che saglie chianu chianu
E tu sai ca’ non si sulo

Questa è la storia di Pino Daniele che per me, non è mai scomparso.  Grazie Pino.